Mountain Bike a Siena e dintorni

Sentieristica della Provincia - n.4
Monteriggioni-Asciano-Trequanda


A Monteriggioni - Castel Petraia F Mucigliani - Asciano
B Castel Petraia - Sovicille G Asciano - Rapolano terme
C Sovicille - San Rocco a Pilli H Rapolano Terme - Poggio Pinci
D San Rocco a Pilli - Radi I Poggio Pinci - Trequanda
E Radi - Mucigliani

Sezione A - Da Monteriggioni a Castel Petraia
 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
Monteriggioni                    274      0,00        0,00
Abbadia a Isola                  200      3,56        3,56
Castel Petraia                   261      2,80        6,36


Dislivello totale: m 130 - Asfalto km 0,4 - Terra km 3,4 - Sentiero km 2,5 - Difficoltà:2/5 - Traccia GPS - apri mappa


Monteriggioni - 24K Si parte da Monteriggioni, costruita dai Senesi intorno al 1219 per proteggere il confine nord dai Fiorentini, e successivamente fortificata con alte mura e torri. Vi consiglio di visitare le mura dall' esterno, esiste infatti un sentiero che gira intorno all' abitato da una porta all' altra. Dalla porta nord si scende fino alla SR2 Cassia, si prende a sinistra e poi a destra verso il podere Campassini. Si prosegue fino ad incrociare il sentiero CAI 101 che seguiamo a destra in discesa su di un bel singletrack. Giunti al fondovalle si gira prima a destra poi a sinistra sempre seguendo i segnavia. Un lungo rettilineo in pianura porta ad Abbadia a Isola: il nome non deve sorprendere, infatti le pianure erano spesso paludose; questo borgo fu citato da Sigeric di Canterbury nel 990 col nome di Borgonuovo quale una delle tappe del suo pellegrinaggio a Roma. All' interno dell' abitato si trova una chiesa romanica che vi consiglio di visitare, se aperta. Appena usciti dal paese, sulla sinistra si imbocca una sterrata, poi al primo bivio si va diritto per poi girare a sinistra in salita per circa 600 metri fino ad una svolta a destra: si costeggia una vigna su uno stradello che entra nel bosco e scende ad un fossetto, per poi risalire fino ad una stradina asfaltata, da seguire a sinistra fino ad un gruppo di case. Si entra nel cortile imboccando uno stradello verso Castel Petraia, nato come fortilizio nel XII secolo, poi trasformato in villa nel XVI secolo: qui si lascia sentiero n.1 che a dx porta a Strove e Gracciano.




Sezione B - Da Castel Petraia a Sovicille
 Riferimento            quota  dist.parz.  dist.tot.
Castel Petraia           261      0,00       0,00
Casa Nagli               423      2,93       2,93
Ripostena                250     11,17      13,10
S.Giusto                 221      3,01      16,11
Pieve                    208      1,09      17,20
Sovicille                255      1,19      18,39


Dislivello totale: m 380 - Asfalto 2,4 km - Terra km 5,2 - Mulattiera 10,8 km - Difficoltà:4/5 - Traccia GPS - apri mappa


Da Castel Petraia si sale seguendo l'antica strada medioevale fino a Casa Nagli, una fattoria diroccata che esisteva già nell' XI secolo. Fino a qualche anno fa la strada era piuttosto disagevole, poi la ristrutturazione delle case di Nagli ne ha richiesto la risistemazione a sterro. Ponte allo Spino - 47K Arrivati alle case si segue a destra uno stradello evidente che ben presto sfocia su una mulattiera segnata come sentiero CAI 105, dove si gira a sinistra in salita verso l' antica Cappella Nagli, una chiesetta romanica semidistrutta. Al prossimo bivio si deve piegare sulla destra e seguire i segnali della Provincia: dopo un' ulteriore salita si sbocca su una strada di bosco pi ampia che va seguita a sinistra in salita (CAI n.100) fino all' incrocio con il sentiero CAI 108, dove si piega a destra iniziando una lunga discesa dentro al bosco di leccio e castagno. Arrivati alle case si sbocca su una sterrata che va presa a sinistra per pochi metri per poi girare a destra; al successivo incrocio si prende a sinistra seguendo i segnali, si ignora una deviazione che scende a destra e si inizia a scendere nella macchia fino a sboccare sull'asfalto. Si attraversa la strada provinciale e al successivo incrocio si gira a destra sul sentiero CAI 113, che piega a destra e scende leggermente fino alle case di Ripostena. Qui si gira a destra e si raggiungono le case di Personatina dopo aver ignorato un primo bivio. Si gira a sinistra, scendendo verso la piana di Sovicille; quando si incontra l'asfalto si gira a sinistra, proseguendo fino all'incrocio di San Giusto dove si gira a destra in salita. Attraversato il piccolo borgo si scende su sterro fino ad un piccolo cimitero giusto di fronte alla Pieve raffigurata in foto, si gira a destra su asfalto e si prosegue fino a d incontrare sulla destra la sterrata Via del Pinone, che porta in breve al borgo si Sovicille.




Sezione C - Da S.Giusto a S.Rocco a Pilli

 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
Ponte allo Spino                 204      0,00       0,00
Linari                           225      3,52       3,52
S.Rocco a Pilli                  258      3,68       7,20


Dislivello totale: m 60 - Asfalto 0,8 - Terra km 6,4 - Difficoltà: 1/5 - Traccia GPS - apri mappa



Si scende via del Pinone fino all'asfalto, si piega a sinistra e si prosegue fino a poco oltre la Pieve. L si tiene la destra su uno stradello che sbossa sulla strada asfaltata che proviene da S.Giusto, si gira a destra fino al Ponte allo Spino, dove si attraversa la SP per Sovicille imboccando un sentiero che costeggia il fosso Arnano. In fondo al sentiero si tiene la sinistra sulla SP73 e e subito a destra seguendo con attenzione le indicazioni bianco-rosse, addentrandosi nei campi per poi arrampicarsi verso Le Corti. Usciti dalle case su gira a destra lungo un fondovalle con pini e pioppi; in fondo alla stradina, subito dopo una casa, si prende a sx in salita fino a giungere sulla strada asfaltata per San Rocco a Pilli (bar e ristorante).
Il tratto tra la SP 73 e Le Corti difficilmente percorribile in caso di fango: in questo caso vi suggerisco di girare a destra sulla SP73 fino al bivio di Ampugnano, di qui a sx fino a San Rocco a Pilli.





Sezione D - Da S.Rocco a Pilli a Radi

 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
S.Rocco a Pilli                  258      0,00        0,00
Fogliano                         257      6,29        6,29
Mugnano                          250      3,18        9,47
Castello di Grotti               340      4,43       13,90
Corsano                          300      2,78       16,68
Radi                             250      5,19       21,87


Dislivello totale: m 270 - Asfalto km 10,4 - Terra km 10,5 - Difficoltà: 2/5 - Traccia GPS - apri mappa


Pieve di Corsano - 29K Da San Rocco si torna indietro verso Siena, all' altezza del bivio a sinistra per Barontoli si gira a destra attraverso un campo fino ad una strada asfaltata,di nuovo a destra fino a Fogliano e poi su sterro in discesa fino al sovrappasso della S.S.223; da qui in salita per Mugnano, dove sulla destra si devia per Poggio alle Pietre. Qui si prosegue per una strada di campo che conduce dapprima a Stine, poi a Grotti Alto, dove sorge l'omonimo castello. Giunti alla strada asfaltata, si gira a sinistra in discesa e poi a destra alle prime case di Ville di Corsano. Superato il cimitero ci si immette nella strada per Radi, si supera la pieve di Corsano e, dopo numerosi saliscendi, ad un incrocio sotto a Radi, dove si incrocia il sentiero n.2, a destra in direzione Montalcino, a sinistra verso Cuna; questa la direzione che prendiamo.




Sezione E - Da Radi a Mucigliani

 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
Radi                             250      0,0        0,0
Caggiole                         230      2,6        2,6
Cuna                             180      2,9        5,5
S.Martino in Grania              235      6,4       11,9
S.S.348                          330      4,0       15,9
Mucigliani                       341      1,8       17,7

Dislivello totale: m 280 - Asfalto km 1,5 - Terra km 16,2 - Difficoltà: 3/5 - Traccia GPS - apri mappa



Cuna - 47K Da Radi si prosegue in direzione Siena per circa 1,7 km, fino al bivio per il podere le Caggiole sulla destra. Al podere attenzione ai cani, i pastori maremmani sono un po' nervosi quando vedono estranei... Si scende fino ad un bivio a sx, poi a dx verso l'abitato di Cuna. La Grancia di Cuna era il pi grande dei depositi, ovviamente fortificati, che raccoglievano e custodivano il grano prodotto dai campi nel territorio della Repubblica Senese e che rappresentavano le riserve per far fronte alle carestie ed alle guerre.
Si esce dal dal borgo verso la Cassia, si passa sotto la ferrovia e si arriva all'incrocio: si attraversa la S.S.2, si passa sotto alla tangenziale di Monteroni e si risale lungo il fiume Arbia fino a trovare una passerella che ci consente di superarlo. Si gira a dx verso la fattoria di S.Fabiano; prima di raggiungere la costruzione finto-gotica si prende a sx, cominciando a salire. Si attraversa una valle per poi salire ancora fino a S.Martino a Grania ed infine alla SP348 che va da Arbia ad Asciano. Giunti alla strada asfaltata si gira a sinistra verso Siena e poco dopo a destra per il piccolo paese di Mucigliani. In questo tratto si nota un netto cambio nel paesaggio, dalle colline dolci della Valdarbia alle aspre balze delle Crete.





Sezione F - Da Mucigliani ad Asciano

 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
Mucigliani                       341      0,0        0,0
Torre a Castello                 310      5,4        5,4
Monte S.S.Marie                  300      5,3       10,7
Asciano                          190      7,0      17,7


Dislivello totale: mt.220 - Asfalto km 1,0 - Terra km 16,1 - Difficoltà: 2/5 - Traccia GPS - apri mappa


Si lascia Mucigliani girando a destra sul finco della chiesetta e poi in discesa verso il podere Faulino ed il poggio Faule, dove si gode una splendida vista su Siena. Giunti vicino a Castenuovo stazione si gira a destra, si costeggia la discarica (turatevi il naso :-( ) fino a trovare la strada asfaltata che va imboccata a destra verso Torre a Castello (acqua). Qui si gira a dx di nuovo su sterro seguendo le indicazioni per Monte Sante Marie. Inizio ora un lungo tratto attraverso le Crete, che vi condurrà dapprima a San Vito, poi a Monte S.S. Marie ed infine, dopo essere scesi nella valle dell'Ombrone ed essere risaliti a Crofeno, fino al cimitero di Asciano. Qui si gira a sx, si ignora il bivio per Buonconvento e Monte Oliveto e si entra nel paese dalla porta nelle antiche Mura.






Sezione G - Da Asciano a Rapolano Terme

 Riferimento                    quota  dist.parz.  dist.tot.
Asciano                          190      0,00       0,00
incrocio asfalto                 270      5,03       5,03
sottopasso FF.SS.                265      0,85       5,88
Serre di Rapolano                360      2,29       8,17
imbocco sentiero                 330      0,42       8,59
incrocio asfalto                 370      1,67      10,26
Rapolano                         320      2,51      12,77


Dislivello totale: mt.360 - Asfalto km 2,2 - Terra km 10,6 - Difficoltà: 3/5 - Traccia GPS - apri mappa



Scendendo dal paese verso il ponte sul torrente Ombrone sulla dx si imbocca una stradina che quasi subito piega a dx in ripida salita, lasciando a dx un gruppo di case nuove. Giunti sul crinale della collina, si piega a sx seguendo una strada evidente che porta ad una sterrata pi ampia dove si gira ancora a sx. Qualora il punto di partenza fosse il paese di Asciano,si gira verso Serre di Rapolano, si sale, si attraversa il passaggio a livello, poi si gira a sx di nuovo per Serre. Quando si incontra una chiesa si prende e sx subito prima di essa, aggirandola da dietro su di uno sterrato fino a raggiungere il punto di cui sopra.
Si prosegue oltre il Podere dei Preti, dove la strada peggiora, fino a che si raggiunge un poggetto sopra alla provinciale da Rapolano ad Asciano; si gira a sx, poi a dx e di nuovo a dx sull'asfalto, ma subito si prende a sx per una stradina di campo che porta al sottopasso della Ferrovia ed al podere Fornaci; si prende a dx, si aggira il depuratore per giungere ad un incrocio su asfalto: qui si biforca il tracciato, a diritto per Poggio Pinci (vedi sezione H), a sx e poi diritto in salita per l'abitato delle Serre di Rapolano. Dopo aver visitato il paese, si esce dalla porta dalla quale eravamo entrati nel centro e si gira a sx, in pratica proseguendo la strada che ci aveva condotto in salita al centro. Arrivati al bivio per Sinalunga, si prende a sx in discesa e, trenta metri dopo l'incrocio segnalato sulla sx per il centro del paese si trova sulla dx una mulattiera che sale nel bosco superando un poggio, incontra una sterrata pi ampia che scende sulla sx fino alla strada asfaltata per Rapolano. Si gira a dx e subito a sx in salita per mulattiera immersa nel bosco, che dopo aver raggiunto la quota di 430 metri conduce alle spalle di un gruppo di nuove abitazioni. Si gira a sx e poi a dx fino a raggiungere la Piazza della Liberazione di Rapolano (bar e ristoranti).





Sezione H - Da Rapolano Terme a Poggio Pinci

 Riferimento                      quota  dist.parz.  dist.tot.
Rapolano - P.za della Liberazione 320      0,00       0,00
Monte Camerini                    455      1,88       1,88
Serre di Rapolano                 360      2,72       4,60
Adegia                            275      1,68       6,28
Poggio Pinci                      323      3,76      10,04


Dislivello totale: m 230 - Asfalto km 2,2 - Terra km 7,8 - Difficoltà: 2/5 - Traccia GPS - apri mappa


Si attraversa Piazza della Liberazione fino ad un incrocio, si prende a sx e dopo poco a dx conminciando a salire per mulattiera fino a quota 455. Dopo una ripida discesa si attraversa una strada asfaltata, prendendo prima a dx poi a sx salendo su di un'ampia sterrata fino ad una curva a sx, dove si entra in una stradina a diritto che porta a Casetta d'Elci e succesivamente sotto a Serre di Rapolano. Si gira a sx su asfalto e subito a dx verso il centro del paese, che vale una sosta ad ammirare il panorama verso le Crete. Si esce dal paese dalla porta principale in alto, si prende a dx in discesa e si seguono le indicazioni per Trequanda fino a giungere ad un incrocio: a dx si innesta il tratto della sezione G da e per Asciano, a sx invece si prosegue per Poggio Pinci. Dopo circa 500 metri, dopo aver oltrepassato una segheria si prende a dx raggiungendo il podere Adegia, dove si gira a sx fino ad un fosso, che va costeggiato a dx fino a che lo si pu superare. Giunti al Molinello si gira di nuovo a sx (scavi etruschi) e si prosegue fino ad attraversare un'altra fattoria e giungere alla strada asfaltata da Asciano a Trequanda. Qui si prende a sx per circa 600 metri per poi girare a dx e giungere a Poggio Pinci.





Sezione I - Da Poggio Pinci a Trequanda

 Riferimento                       quota  dist.parz.  dist.tot.
Poggio Pinci                      323      0,00       0,00
Montalceto                        325      1,00       1,00
Pecorile                          350      2,56       3,56
FF.SS. fermata di Trequanda       284      1,80       5,36
Belsedere                         332      2,63       7,99
Ganghereto                        330      1,13       9,12
Colle                             413      2,81      11,93
borro della Cava                  365      1,34      13,27
Trequanda                         429      0,73      14,00


Dislivello totale: m 350 - Asfalto km 2,6 - Terra km 11,4 - Difficoltà: 3/5 - Traccia GPS - apri mappa

Da Poggio Pinci ci si inoltra su di una strada sterrata attraverso le crete fino a Montalceto, immersi in paesaggio semplicemente entusiasmante. La mulattiera che porta a Pecorile sbocca a sx sulla strada che porta a Trequanda: arrivati alla fermata della ferrovia ed al passaggio a livello, il fondo diviene asfaltato ed il tracciato inizia a salire, conducendo al bivio di Belsedere sulla dx. Poco prima di raggiungere la villa di Belsedere si incontra un bivio sulla sx, dove il sentiero si unisce al n5 che proviene dal fondovalle dalla direzione della fattoria. Il percorso prosegue girando a sx in discesa e successivamente in salita per Ganghereto, dove si aggirano i fabbricati agricoli sulla sx per poi attraversare un ampio allevamento di fagiani e giungere ad un bivio a dx verso Colle, una fattoria e agriturismo. Si attraversa il cortile fino alla chiesetta, dove si piega a sx su un viottolo seguendo i segnali per Trequanda. Si attraversa un tratto piano, si passa un boschetto e il borro della Cava e ci si arrampica per giungere finalmente al centro storico di Trequanda.